LE MOSTRE DA NON PERDERE A DICEMBRE IN LIGURIA
4 Dicembre 2018
MOSTRA PICASSO METAMORFOSI – RECENSIONE
29 Dicembre 2018

MILANO

Il cartellone 2019, è naturalmente centrato sulle celebrazioni del Cinquecentenario della morte di Leonardo da Vinci, che attraversano tutto l’anno con una serie di progetti espositivi in diversi spazi della città: dal Castello Sforzesco, a Palazzo Reale, che dedica tre mostre alla sua opera nelle arti e nelle scienze, e a come Leonardo abbia influenzato il modo di rappresentare la realtà, da allora in poi; fino al Museo del Novecento, che pone in un insolito dialogo Lucio Fontana e il grande maestro del Rinascimento. 

In particolare il Castello Sforzesco, oltre a riaprire al pubblico la Sala delle Asse con un intervento multimediale che guiderà i visitatori nella lettura della grandiosa opera ideata per celebrare Ludovico il Moro, proporrà ai visitatori un tour virtuale alla scoperta dei luoghi di Leonardo a Milano, così come l’artista li doveva vivere durante i suoi soggiorni milanesi. Nella Sala dei Ducali, inoltre, sarà esposta una selezione di disegni originali di Leonardo, di leonardeschi e di altri artisti del Rinascimento, provenienti da importanti istituzioni italiane e straniere e legati all’iconografia della Sala delle Asse, in particolare del Monocromo e delle straordinarie tracce di disegno preparatorio emerse recentemente sulle pareti dopo i lavori di studio e restauro.

Antonello-da-Messina_Madonna-Benson-Washington-National-Gallery-of-Art-

Palazzo Reale ci saranno anche altre importanti mostre: una dedicata ad Antonello da Messina (dal 21 febbraio al 2 giugno 2019), il più grande ritrattista del Quattrocento, attualmente in corso a Palermo.

Antonello da Messina, San Girolamo nello studio

Poi una grande monografica su Jean-Auguste-Dominique Ingres (dal 9 marzo al 23 giugno 2019), esponente dell’arte neoclassica; segue la collettiva I Preraffaelliti e l’Italia con opere della Tate Britain  (dal 19 giugno al 6 ottobre 2019).

Jean-Auguste-Dominique Ingres, Il sogno di Ossian, 1813

Dante Gabriel Rossetti, The beloved (The bride), 1865-1866

Un’altra personale che vedremo a Palazzo Reale nel 2019 è quella dedicata a Giorgio de Chirico (dal 25 settembre 2019 al 19 gennaio 2020) e all’evoluzione dell’artista attraverso le sue tele più significative. Infine, il 2019 ci offrirà il racconto dei 70 anni di lavoro del pittore e incisore veneziano Emilio Vedova (novembre 2019-febbraio 2020).

Gio rgio de Chirico, Manichini in riva al mare

 

John Everett Millais, Ophelia, 1851-1852

Al Museo del Novecento  inoltre saranno in mostra Filippo De Pisis(dal 4 ottobre 2019 al primo marzo 2020), Adriana Bisi Fabbri (dal 25 ottobre 2019 all’8 marzo 2020), Remo Bianchi (dal 5 luglio al 6 ottobre 2019), Renata Boero (dal 2 aprile al 23 giugno 2019), Marinella Pirello (dal 22 marzo al 25 marzo 2019) e Lucio Fontana (dal 14 giugno al 15 settembre 2019, artisti che hanno vissuto e operato in quel periodo di grande vivacità creativa.

La GAM celebra Angelo Morbelli nel centenario della scomparsa con la mostra Morbelli (1853 – 1919) dal 15 marzo al 16 giugno, mentre da ottobre a febbraio 2020 ospiterà Antonio Canova. Test e ideali, rassegna dedicata ai busti del grande scultore neoclassico.

Al MuDEC, dal 1° maggio all’8 settembre, approfondimento su Roy Lichtenstein con la mostra Roy Lichtenstein. Edition che espone i multipli del grande artista pop.

Print- Roy Lichtenstein- Sunrise-1965

Al Museo del Novecento  la mostra Lucio Fontana. Omaggio a Leonardo andrà in scena, dal 14 giugno al 15 settembre, un inedito confronto tra il grande padre dello spazialismo e Leonardo da Vinci.

Importante e coerente anche l’impianto delle anticipazioni per il 2020, anno dedicato alla creatività femminile, che vede tra l’altro la retrospettiva di Maria Lai al Museo del Novecento, la prima personale in Italia dell’artista cubana Tania Bruguera al PAC e una mostra dedicata alle donne nelle avanguardie russe del Novecento.

Altre anticipazioni per il 2020? Tornerà Roy Lichtenstein, con Robert Indiana, Andy Warhol, Tom Wesselmann e tanti altri per una mostra interamente dedicata alla Pop Art a Palazzo Reale (ottobre 2020-febbraio 2021); il Mudec, invece, dedicherà un viaggio attraverso la storia dei Robot dai primi automi fino alle ultime scoperte della bio-robotica (dal 26 febbraio al 28 giugno 2020)

 

VENEZIA

Il 2019 è l’anno dell’edizione numero 58 della Biennale di Venezia: curata da Ralph Rugoff, sarà dedicata al tema May you live in interesting times, e l’appuntamento è dall’11 maggio al 24 novembre.

 

ROMA

Una mostra su Leonardo è in programma anche a Roma, alle Scuderie del Quirinale: ancora non definite le date e i dettagli.

A Roma, il 2019 porterà l’attesa mostra su Andy Warhol ai Musei Vaticani, annunciata già all’inizio del 2018, e ci sarà inoltre una rassegna su Raffaello alle Scuderie del Quirinale (date da confermare) e una grande mostra sugli ultimi vent’anni della carriera di Picasso: s’intitolerà Picasso 1953-1973, si terrà alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea e per il momento non ci sono ancora ulteriori dettagli.

FIRENZE

A Firenze, si segnala il ricco programma espositivo degli Uffizi: mostre dedicate a Cosimo I de’ Medici (di cui ricorre il cin quecentenario della nascita), a Pietro Aretino, a Kiki Smith, agli animali nella moda, ai soffitti lignei del Rinascimento, ai carnevali barocchi.

 

BRESCIA

E sempre in tema di animali, una mostra particolare è quella che apre il 19 gennaio a Brescia, a Palazzo Martinengo: s’intitola Gli animali nell’arte. Dal Rinascimento a Ceruti, dura fino al 9 giugno ed espone circa tre secoli di animali nelle opere d’arte.

 

FORLI’

Il 9 febbraio sarà la volta di Ottocento. L’arte dell’Italia tra Hayez e Segantini, una grande mostra che a Forlì, ai Musei San Domenico, fino al 16 giugno, si propone di fare il punto su tutto il secolo con una nuova lettura critica, presentando le opere di molti dei grandi protagonisti del tempo.

 

GENOVA

A Genova, dal 14 febbraio al 6 giugno, si preannuncia alquanto interessante l’appuntamento con la mostra Caravaggio e i genovesi. Committenti, collezionisti, pittori, a Palazzo della Meridiana: in mostra i rapporti tra il grande maestro lombardo e il capoluogo ligure.

 

FERRARA

Palazzo dei Diamanti a Ferrara dedica invece una rassegna a un grande artista ferrarese: dal 16 febbraio al 2 giugno, la mostra Bold ini e la moda indaga il rapporto tra il grande artista e il mondo del fashion.

 

MANTOVA

Infine, da non perdere, a fine anno, l’appuntamento a Mantova con Con nuova e stravagante maniera. Giulio Romano a Mantova, grande mostra su Giulio Romano molto attesa.

 

NAPOLI

A Napoli, a Palazzo Zevallos Stigliano fino al 7 aprile la mostra Rubens, VAN DYCK, RIBERA. LA COLLEZIONE DI UN PRINCIPE, capolavori provenienti da musei italiani e stranieri, grazie a prestiti eccezionali, ritornano a Napoli, per la prima volta nelle stanze dello stesso Palazzo dove a lungo in passato furono custoditi.

A Palazzo delle Arti Napoli, fino al 22 aprile la mostra su ESCHER che presenta oltre alle opere del visionario genio, amatissimo dal pubblico, anche un’ampia sezione dedicata all’influenza che il suo lavoro e le sue creazioni esercitarono sulle generazioni successive, dai dischi ai fumetti, dalla pubblicità al cinema: un percorso di 200 opere che parte da Escher per arrivare ai giorni nostri.

 

BOLOGNA

A Bologna prosegue la mostra HOKUSAI HIROSHIGE. OLTRE L’ONDA. CAPOLAVORI DAL BOSTON MUSEUM OF FINE ARTS, fino al 3 marzo al Museo Civico Archeologico

A Palazzo Albergati, fino al 24 Febb raio 2019, prosegue la mostra WARHOL&FRIENDS. NEW YORK NEGLI ANNI ’80.

 

 

Comments are closed.