“Bellezza e Abisso”, Vienna celebra Klimt, Schiele, Moser e Wagner con un ciclo di grandi mostre

PICASSO – LE 5 MOSTRE DEL 2018
26 Marzo 2018
GAETANO PREVIATI. LA PASSIONE- RECENSIONE DELLA MOSTRA
30 Marzo 2018

Gustav Klimt, Egon Schiele, Koloman Moser e Otto Wagner sono gli artisti che Vienna si appresta a celebrare in occasione del centesimo anniversario dalla loro scomparsa. Promossa per ricordare la grande stagione del Modernismo, l’iniziativa prevede un programma di oltre 15 mostre che si protrarranno per tutto il 2018

 

Museo Leopold 

Vienna intorno al 1900! Klimt – Moser – Gerstl – Kokoschka
18/1 – 10/6/2018

La mostra espone opere selezionate dei principali rappresentanti dello stile liberty viennese, Gustav Klimt e Koloman Moser, nonché degli espressionisti Richard Gerstl e Oskar Kokoschka. Si potranno ammirare capolavori di Klimt come “La vita e la morte” e dipinti di Moser come la Venere nella grotta.

Koloman Moser, Venere nella grotta, 1914 ca. (Museo Leopold: “Vienna intorno al 1900. Klimt – Moser – Gerstl – Kokoschka”) – © Leopold Museum, Wien

Egon Schiele. La mostra celebrativa per il centenario
23/2 – 4/11/2018

Dipinti, opere su carta e numerose carte d’archivio mostrano i temi principali della produzione artistica di Egon Schiele: la sua rottura con la tradizione, il suo scoprirsi espressionista, la violazione dei tabù, la spiritualità e la trasformazione, e gli speciali autoritratti.

Egon Schiele, Autoritratto con alchechengi, 1912 (Museo Leopold: “Egon Schiele. La mostra celebrativa per il centenario”) – © Leopold Museum, Wien

Schiele – Brus – Palme
3/3 – 11/6/2018

Egon Schiele, Günter Brus  e Thomas Palme erano gli enfants terribles della loro generazione, e con la loro opera hanno allargato il tradizionale concetto di “arte”.

Gustav Klimt
22/6 – 4/11/2018

La mostra presenta, oltre al patrimonio del Museo Leopold e alla collezione privata della Famiglia Leopold, anche esemplari della Klimt Foundation, opere di un nuovo prestito permanente affidato al Museo da un discendente della Famiglia Klimt, e prestiti internazionali.

Una particolarità è il dipinto presente in una sala interamente dedicata a lui, “La sposa”: Klimt concepì il suo ultimo capolavoro sulla base di numerosi disegni e studi, passando stilisticamente dallo stile liberty all’espressionismo.

Gustav Klimt, “La sposa”, 1917/18 (incompiuto) (Museo Leopold: Gustav Klimt – © Klimt-Foundation, Wien

Belvedere inferiore

Klimt non è la fine. Nuovi fermenti nella Europa Centrale
23/3 – 26/8/2018

Il termine della Prima Guerra Mondiale e la morte di Klimt, Schiele, Wagner e Moser vengono spesso interpretati come la fine di un’epoca e di un periodo di fioritura artistica. L’esposizione mostra quali cambiamenti portò effettivamente con sé questa svolta fondamentale della storia, quali limitazioni, e quali nuove prospettive si aprirono e quali continuità invece permasero. Sono esposte circa 80 opere, fra cui anche di Klimt, Schiele, Kokoschka, Moser ed Egger-Lienz.

Gustav Klimt: La sposa, 1917/1918 (Belvedere inferiore: “Klimt non è la fine. L’inizio in Europa Centrale”) – © Belvedere Wien

 

Orangerie (Belvedere inferiore)

Egon Schiele – I percorsi di una collezione
19/10/2018 – 17/2/2019

La mostra si occupa di ogni singola opera della Collezione Schiele del Belvedere, facendo luce sulla sua acquisizione, sul motivo e la persona ritratta.

Egon Schiele: L’abbraccio (Gli amanti II), 1917 (Orangerie: “Egon Schiele – Le vie die una collezione”) – © Belvedere, Wien

 

Kunsthistorisches Museum Vienna

Stairway to Klimt. Il ponte di Klimt + “Nuda Veritas”
13/2 – 2/9/2018

Come già avvenuto nel 2012 in occasione del 150esimo anniversario della nascita del pittore, anche nel 2018 sarà allestito il “ponte di Klimt” nel vano scale del Kunsthistorisches Museum (Museo di Storia dell’Arte). Alto dodici metri, il ponteggio offre una vista diretta su un ciclo di tredici dipinti di Klimt, incastonati tra colonne e arcate. I cosiddetti “Zwickel- e Interkolumnienbilder”, cioè le immagini inserite fra i tasselli e le colonne, sono tra le opere più importanti della prima produzione artistica del giovane pittore.
Contemporaneamente al “ponte di Klimt”, nella Collezione Antica del Kunsthistorisches Museum Vienna (Museo di Storia dell’Arte) si potrà ammirare il dipinto in formato verticale “Nuda Veritas”.

Gustav Klimt, Nuda Veritas, 1899 (Kunsthistorisches Museum Vienna) – © KHM-Museumsverband

 

Comments are closed.